Articoli

Il restauro o l’arte di rinunciare all’arte – Articolo su Artribune

Il Restauro o l’arte di rinunciare all’arte

un articolo pubblicato da Artribune

Clicca qui per leggere la versione originale

 

Anatomia di un articolo sul restauro

Questo è un articolo metaforico, metalinguistico … meta del pensiero che parla del suo stesso agire!

L’articolo tecnico ma divulgativo, accessibile ma colto, pedante ma divertente, che parla di restauro. Come nasce, come si costruisce, come si fa?

Per gli altri restauratori, giornalisti, scrittori o blogger non saprei, per quanto mi riguarda proverò a dare una descrizione anatomica e antropologica della nascita di un articolo sul restauro:

premessa – Normalmente la restauratrice che scrive articoli di restauro è impegnata nel suo lavoro e in mille altre attività quotidiane. Mentre lavora pensa, in coda all’ufficio postale ascolta il vuoto vociare mentre cerca di ricordare dove ha stoccato  quel dato materiale,  alla guida organizza la giornata,  mentre pulisce l’insalata sogna e quando dorme vola.

Mentre svolge una delle suddette attività capita vi sia quel dettaglio tecnico che le rode, non è chiaro, non è facile. Il giorno seguente in cantiere si deve risolvere un problema, si deve decidere come affrontare quel consolidamento che ha assorbito giorni di lavoro e ancora non convince. Ci si deve inventare qualcosa sperimentando nuovi materiali o, come esseri ottusi, proseguire con la medesima tecnica che ha mostrato di non funzionare appieno? Bel dilemma con i tempi che stringono. Sia chiaro, nel restauro i tempi stringono sempre, come i jeans della stagione precedente!

Certo è che se fosse chiaro a tutti, committenti e fruitori, che restaurare non è come tinteggiare! Che ogni giorno il manufatto di cui ci occupiamo ci presenta nuovi problemi. Nuove sfide vorremmo dire, ma in realtà sono grattacapi  “belli e buoni”.  Da risolvere in fretta e bene altrimenti i risultati parleranno del nostro scivolone “tecnico” per il resto dei nostri giorni!

Ecco, anziché rodermi, potrei parlarne in un articolo, mi dico.  Certo magari non cambierà il mondo ma sarà pur sempre un piccolo seme di pensiero che racconta di questa strana e misconosciuta professione. Un seme lanciato su un terreno incolto. Chissà forse darà frutti o forse se lo mangeranno i merli, che comunque mi stanno simpatici, poveri merli!

Così mentre mi affaccendo in cucina mi auto racconto l’articolo. Quando ritengo che possa suscitare un interesse condivisibile, lascio le faccende domestiche per metà e mi lancio al computer per appuntarmi i punti salienti. Suona il telefono: ” … oh certo dovevamo sentirci, ma si, ma certo, domani? il progetto? Si, si è a buon punto. ..” Ecco torno al computer. Oddio è tardi, riprenderò appena posso! Ritornerò, magari a distanza di qualche ora, a volte giorni … di cosa volevo scrivere?  Ah già dunque com’era quella frase quasi poetica a cui avevo pensato!? Boh, e chi se la ricorda più, vabbè iniziamo … tic tic tac tic.

Ecco scritto l’articolo, ma non parla del tema che avevo ideato all’inizio, già perché lungo la via ho avuto altre idee, altre urgenze, altre parole sono affiorate. Vabbè sempre di restauro parla no? Lo rileggo: ” via, via quella frase così grossolana. Mamma mia ecco un errore, correggere subito.”  È tardissimo, via altrimenti si fa tardi. Mi distraggo,  lavoro, rispondo alle mail poi mi ricordo dell’articolo, lo rileggo nuovamente, taglio qualcos’altro. Si, direi che mi è capitato di leggere  di meglio, d’altronde  non si può essere perfetti! Ok pubblichiamolo e vediamo l’effetto che fa!

Ecco la dissezione dell’articolo sul restauro … e chiaramente di quell’argomento che mi pareva tanto interessante vi parlerò a prossima volta! Cos’era poi?

Testi e immagini

SilviaContiRestauroConservativo

 

“Il restauro, l’arte e la moda” dalla rivista Kinetès

La rivista d’arte e cultura “Kinetès” ha pubblicato un articolo, da me redatto, dal titolo

“Il restauro, l’arte e la moda”

VAI ALL’ARTICOLO

Elementi di portfolio